Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 18
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0026
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0026
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l8 O P E R E

cipalmente negli uomini il yalore; che già
niuno teme di fare quelle cose, ch' egli con-
hda di saper fare. Gli volea per la religio-
ne del giuramento, ed altri simili provve-
dimenti, al capitauo ubbidientissimi, disci-
plinati modesti e sobrj, onde sacrata e so-
lenne fosse la milizia, come Livio qualih-
ca ia romana .

Quantunque necessarie sieno le artiglie-
rre per assalire e difender le terre, per
proteggere il campo, ed anche utili in una
giornata: quantunque necessarj sieno i ca-
vaili a fare scoperte, correre il paese, tri-
bolare il nemico, impedirgli le vettovaglie,
e consumar la vittoria ; il fondamento ve-
ro della guerra, egii sostenne, volersi fare
nelle fanterie (1). Possoao esse ire da per
tutto, e per tutto sostenersi ; in ogni ma-
neggio d’ armi riescono prontissime, non
avendo i’uomo a sforzare la viltà o la fan-
tasia dell’ animaie, a cui sta sopra ; sono
in conclusione nella milizia l’ordine il più
perfetto e il più semplice. E bene instrui-

te

(i) Lib. II. arte della guerra , e discorsi
lib. II. cap. 18.
loading ...