Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 22
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0030
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0030
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
22 O P E H E

antica musica, nasceva, più che cla altra
cosa, dalle accordature varie degli strumen-
ti; donde i varj modi, quale atto ad ac-
cendere quale a raddolcire gli animi, e co-
sì discorrendo. E non pare a voi, che di-
re si potesse egualmente, che volea nel suo
esercito il Segretario armi diverse, quale
per batter da lungi il nimicp , quale da vi-
cino, qual per sostenerlo ed aprirlo, quale
per esterminarlo ; quasi i varj modi della
milizia, donde ne nasceva in parte grandis-
sima l’efsetto della vittoria?

Gomunque sia di questa simiiitudine, che
puo zoppicare anch’essa, come tutte le al-
tre; la verità si è, che vane non furono
le speculazioni del Segretario. Pochi anni
prima della morte sua usci in campo la le-
gione coinposta di gente toscana, e condot-
ta da Giovanni de’Medici, il quale aggiun-
se con essa, scrive il Segni (1), dove non
aggiunse mai niun italiano dopo la perdu-
ta riputazione della romana milizia . Mori
egli in Lombardia ;

E ol-

(1) Storie lib. I. Vedi ancora il Sacco di
Roma del Guicciardini.
loading ...