Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 24
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0032
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0032
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2.\. 0 P E R É

profezia: che il regno di Francia sarebhe
insuperabile, se era accresciuto e preserva»
to 1’ordine di Garlo ViL, il quale conob-
be la necessità di armarsi di armi propriey
ed ordinò nel sno regno le ordinanze del-
le genti d’arme e delle fanterie. E quella
delle fanterie Luigi sno iigl-iuolo dipoi la
spense, e coininciò a soldare Svizzeri: il
qual errore seguitato dagli altri è, come si
vede ora in fatto, egli aggitmge, la cagio»
ne dei pericoli di quel regno. Non è egli
naturale a credere, clie dalle parole d’ tm
si riputato uomo fosse mosso Francssco I.,
principe di svegliato ingegno, e degli ec-
cellenti uornini italiani estimatore grandis-
simo? Cosi egli pensò ad armarsi di arrne
proprie: e non contento a ciò, institui nel
suo regno la famosa ordinanza delle legio-
ni. Ne creò sette di sei mila uomini cia-
scuna, facendo in grande quello che alcu-
ni anni innanzi avea veduto fare in picco-
lo a Giovanni de’Medici. Lo avea quel re
tirato a’suoi servigi, e lo ebbe nel campo
sotto Pavia, dove diede gran prove di va-
lore: se non che ferito graveinente prima
di quella memorabile giornata, non ci si

tro-
loading ...