Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 38
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0046
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0046
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
58 O P E R E

po , ed è forza stare col terreno ; Γ aitro ,
che a difenderlo è bisogno di ima infinità
di guardie . Gli antichi Piomani ali’incon-
tro , che ristrignevano il campo , e lo mu-
nivano con terrapieni con palizzati con fos-
se , e venivano a formarne una fortezza ,
cessavano tali inconvenienti . Gon Γ opera
ed industria facevano si, che il sito ubbi-
disse loro , non essi al sito ; e risparmia-
vano un gran numero cli guardie. Poteva-
no meglio conservare i cavaili ; venivano
anche a dirninuire il numero di quest’ ar-
me , che îanto denaro costa a’principi per
mantenerla , e tanti pensieri al capitano
per nutriria ; essendo in buona parte a di-
fesa del campo necessario negli eserciti
tanto numero di cavalli , quanto presente-
mente ne abbonda . I soldati divenivano
più laboriosi, obbligati cosi spesso a forti-
fìcare il campo ; e fortificatolo , più conn-
denti e sicuri contro ad ogni improvviso
assalto del nemico . Consueti dipoi a star
sempre dentro a’trineieramenti e a’ripari,
non lo temevano più in un tempo che in
un altro : senza che più animosamente coni-

bat-
loading ...