Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 49
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0057
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0057
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
M î L Γ T A ss I. 4<j

santerle. E cosi ancora alla imitazione di
lui praticô alla· celebre giornata di Lutzen
Gustavo Adolfo; e a quella di s, Gottardo
ii Montecuccoli, quando con la virtù degli
ordini suoi gli ebbe a sostenere il famoso
Giiiuperll· e tutto i’impeto della eavalieria
turchesca· (i).

Riferisce un vecchio scrittore francese^
come il maresciallo diBrissac? uno de’più
gran capitani del tempo suo, si avvisô dî
mettere dietro alle picche delle sue batta-
glie degli armati di spada e di scudo i qua-
li nel tempo della mischia di sotto alle pic~
che gittarsi dovessero addosso al nemico e
finirlo; nuova forma, secondo lui, di com-
battere, che è messa alle stelle dal cavalieu
Folard (2); ed è pure la vecchia e fonda-
mental maniera di combattere dell’istesso
Fabrizio Colonna.

Niuno avverte, dice il conte di Sassonia,
che il suono del tamburo non è ad altro
fine instituito ^ se non perchè i soldati re-

g°“

(1) Memorie del Montecuccoli lib. II. cap. 4>
anno 1664.

(2) Traitè de ln Colonne chap. XII

Το: V. D
loading ...