Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 51
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0059
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0059
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militari. δί'

îie a servare facilmente gli ordini. Ondé
che gli antichi avevano zusfoli pifferi e suo~
ni modulati perfettamente ; perchè ? come
chi balla procede col tempo della rnusica,
ë andando con quella non erra ; cosi uno
esercito ; ubbidendo nel muoversi a quel
suono, non si disordina. E pero variavano
il suono? secondo che volevano accendere
ò quietare o fermare gli animi degli uomi-
ni. Tutti questi modi sarebbe necessario
ritrovare ? egli aggiunge ; ma oggi di que-
sto suono non se ne cava altro frutto in
maggior parte, che fare quel romore (i).

Cosi Funo come Taltro prescrive^ che
le bandiere non sieno poste a mucchio, co-
me oggidi si costuina; ma che ciascun cor-
po abbia la sua, come guida ed anima di
quello; e che tanto esse bandiere, quanto
i soldati sieno contrassegnati, acciocchè in
qualunque caso alla confusione vengasi ad
ovviare e al disordine ; il maggiore di tut'
ti i mali; come quello, che niuna cosa la-

scia

(O Lib, II. arte della guerra verso il Hne,
Tedi Tucidide lib. Y.

D z
loading ...