Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 55
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0063
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0063
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militàhi, 55'

d’ Gcchio ridotto a metodo e a principj (i)r
frutto della scienza e delîa pratica di quel
valentuomo nel quale egli propone Teser-
cizio singolarmente della caccia, e il viag-
giare, come mezzi più atti a erudir gli oc-
chi di un capîtano ; di quel capitolo, dis-
si, troverete la sostanza e il midollo nelle
seguenti parole del libro del principe, par-
te del quale, non meno che alcuni discor-
si sulle deche di Livio, fanno corpo insie-
rne con Γ arte della guerra : E nella pace
oji si deve piü esercitare, cke nella guerra:
il che puô fare in due modi, Vuno con ΐ
opere, V altro con la mente. E quanto alï
opere, deve, oltra al tener bene ordinati ed
esercitati li suoi, stare sempre in su le cac-
cie; e mediante quelle assuefare il corpo a
disagj, e parte imparare la natura de siti,
e conoscere come surgono i monti, come im-
boccano le valli, corne giacciono i piani, e
intendere la natura de fiumi e delie paludi;
ed in questo porre grandissima cura. La
qual cognizione è utile in due modi; prima
s impara a conoscere il suo paese, e puô

me~

(i) Histoire de Polybe lîv. I, chap, XIV, §, f
D 4
loading ...