Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 74
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0082
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0082
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
7‘4 O P E R É

sulla cima del colle, e alquanto dallato del-
la strada, e clie in quella guerra stavasi
neutraìe. Ciô fatto, mosse assai di büon’
ora il campo; e in sulla mattina le sue fan-
terie furono aile înani co’cavaili dell’avàn»
güardia de’Fiorentini, che salivano dall’al-
tra banda, e non si credevano di trovar
ivi Castruccio. II vantaggio cbe gli diede
ii giugner inaspettato addosso al nemico^
e il poterlo anche assalire da hanco, mer-
cà la comodità del già preso castelio, gli
fu cagione della vittoria.

Non fu meno gîoriosa la terza / ch’egli
ottenne contra a’medesimi nemici. Aveano
e5si posto il campo a s. Miniato in sulla
riva sinistra delh Arno, forse a trenta mi-
glia di Pisa. Assicurata Pisa con buon nu-
mero di genti, pigliô Castruccio il campo
a Facecchio in sull’altra riva del fiume,
luogo forte per naîura e comodo. Teneasi
egli aiquanto lontano dall’Arno, per dare
animo a’Fiorentini a passarlo. II disegno
riusci. Appena ebbero essi incominciato una
mattina a guazzarlo con parte delle loro
genti, che Castruccio fatte due schiere del
suo esercito fu loro addosso con la prima.

Ga-
loading ...