Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 90
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0098
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0098
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
go O p E ii E

menar delle mani ; donde più gagliarda Ig
zuffa , e più decisiva la giornata ; e tale fu
sempre l’ordine di combattere, che tenne-
ro coloro , che meglio la intesero . Se ri-
montar vorrete a’tempi antichissïmi, vedre-
te , come Omero, che si puô chiamare an»
che maestro di guerra, non fa gran caso
di quei popoli, che. con l’arco combatteva-
no dalla lungi ; e quelli per eontrario som·
mamente esalta, i quali di picca armati
osavan vedere il nemico in faccia (1): e vi
potrete ricordare, che Idomeneo gran ma-
neggiator d’asta (2) recato sariasi a grave
onta, se altri avesse potuto crederlo della
turba degli arcieri uno , (3)

Popolo ignudo e paventoso e lento ,

Che ferro mai non strigne,

Ma tutti i colpi suoi commette al vento.

L’ordine fondamentale, che a rendere i

Per-

(1) Iliad. lib. XIII.

(2,) ϋχρίκΚΐπας .

(3) _ _ — — — » yxp οΐω

Kyiïpùv ίυσμίνεων Ìkbcì iç-ûgivoi mολΐμίζαν .

Ibid.
loading ...