Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 92
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0100
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0100
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
QZ O 3? E R M

combattevano da vicino , e davano JGinal
sentenza della giornata. Oggigiorno rarma-
dura grave e la ieggiera trovansi riunite
nel medesimo uomo, il quale , in quanto
si serve delFarchibuso, non difserisce da’
leggermente armati ; e corrisponde a’pe*
santemente armati , in quanto si puô ser-
vire della bajonetta, che sta sempre con*
iiccata alla canna delFarchibuso medesimOo
Ma egli avviene ben di rado , che Farma-
dura grave faccia prova di sè . Ne! più
delle moderne battaglie opera solamente la
leggiera dalîa lungi, e ferro mai non strin»
ge : e uno esercito dopo aver dato fuoco
per una intera giornata lascia il campo, e
si ritira senza aver veduto si puô dire il
nemico in viso . Ben diverso , e ridotîo
a’veri suoi principj, è l’ordine del com-
battere del Segretario . E un tai ordine a
maraviglia consuona con quanto insegna il
Montecuccoli, che tra’moderni autori nelF
arte miiitare pur tiene il campo. Nel bel
principio delle memorie egli ha queste pre-
cise parole , che a un bisogno servir po»
trebbono di comento al Segretario medesi-
mo .· proprietà âelle armi osfensive si è, che

da
loading ...