Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 95
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0103
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0103
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militarì. g5

circa a quel tempo essa avea principalmen-
te ope^ato il conquisto del nuovo mondo.
Salì acsiinque in riputazione grandissimaj e
gli uomini avvisarono, che per la virtù sua
non si dovesse oramai combattere più da
yicino, ma dalla lungi; che in sulle arti-
glierie a ridurre si avesse la guerra, e, qua-
si direi, che avvenisse allora neìla milizia
cogl’instrumenti da fuoco ciò, che avven*
ne dipoi nelle matematiche coll’algebra,
che a quella, posta da banda la sintesi,
avrebbon yoluto ridui're ogni cosa .

I! primo, che contro alle artiglierie ar-
disse levar la voce, fu il Segretario. Mo-
strò, che, come allora credevasi, esse non
erano uno instrumento tanto sicuro della
vittoria ; che non ostante ìa violenza loro,
usare sì poteano nel combattere gli ordini
degli antichi; e venne a risolvere il mede-
simo dubbio, che ora voi movete a me.
Yi ricorderete, come nel suo ordine di bat-
taglia gli scoppettieri e la cavalleria leggìe-
ra sono in sulle corna dell’esercito. Da que-
sti egli fa appiccare la zusfa, e questi egìi
fa correre sulle artiglierie del nemico per
loading ...