Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 101
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0109
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0109
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
M I L I T A R I . l.ôt

îto in buonissima parte cangiata dagii anti-
clii a noi la ragione della guerra, Per ri-
spondere aîle vostre obbiezioni io avea bi-
sogno non di conghietture, ma di ben fon-
date e irrefragabili autorità. E sovvenendo-
rni avere altre volte notato, secondo che
îo andava leggendo, alcune cose in tal pro-
posito, io mandai a prendere quel mio zx-
haldone. Armato dunque di tali autorità,
!e quali io schiererô qui in margine, io
mi presento in battaglia dinanzi a voi,
Quanto alla violenza delle macchine mi-
litari degli antichi, non istarô già io a ci-
tarvi dei luoghi di poeti, che ne dicon co-
se di fuoco. Voi ayreste ragione di ricusa-
re tali autorità; ed io non potrei riguardar-
le, se non come gli scoppettieri o i velitQ
che poco o niente sanno alla importanza
della vittoria. Ma troppo sono decisive es-
presse e consormï le testimonianze degli sto-
rici e dei più gravi scrittori, in ordine al-
le stragi che facevano, alle rovine che me-
navano le catapulte e le baliste. Nè dagîi
uomini di sano giudizio si potrà rîvocare
m dubbio la estrema violenza di ordigni
ordinati contro soldati altramente difesi che
G 3

non
loading ...