Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 110
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0118
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0118
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
110 Opere

o condìzionì delle cose che occorrevano,
vario era altresi il luogo dove si collocava-
no. Taiora venivan piautate dall’un de’ia*
ti sopra un qualche rialto, che signoreggias-
se la campagna, onde meglio giocar potes-
sero, e a voto non ne andassero i colpi ;
come praticato si scorge nella giornata, che
tra Yiteliio ed Otone diecle iiaai sentenza
dell’imperio (i). Le piantavano tal’altra vol-
ta dentro a’ridotti sulie ale deli’ esercito y
per hancheggiarlo e proteggerlo contro a
una numerosissima oste di nemici : e un
tal modo leggesi tenuto in Francia da Giu-
lio Cesare. Avendo egli occupata una col-
lina di assai dolce salita, e avendo a fron-
te una moltitudine di Francesi, da’ quali
poteva esser facilmente accerchiato ; scavo
trasversalmente, a destra e a sinistra della
collina^ due fossi, in capo aci essi alzô due

for-

(i) Namque J^itelliani tor?ne?ita in aggerem
vice cojitulerunt, ut tela vacuo atque aperto
excuterentur, dispersa primo, et arhustis si-
ne hostium noxa illisa. Magnitudme exinua
quintcedecimœ legicmis balista etc.

Tacit. hist. lib, III.
loading ...