Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 120
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0128
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0128
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ÌÀG 0 P È II È

rò poi a voìervi provare> come gli antichi
si seryivano de’loro saettatori > o yogliam
dire della loro minuta artiglieria, per di»
fendere un passo, o per proteggere le ri-
tirate , disponendola ne’luoghi più opportu-
r»i; per esser tali cose assai ovvie negli au-
tori. Ma eccovi, se non erro, come in ogni
sazìone di guerra e’facevano delle Ioro mac-
ehine quell’uso medesimo, che si fa da noi
del cannone.

Che se nelle loro zuffe campali non si
trova, che venga fatta più spesso menzio-
ne delle macchine militari, de’Ioro effettij

la

num , ac ne ipsorum màles segne otium tere-
ret. JSfaves pari inter se spatio validis utrim-
cjue trabibùs connexae adversutn in flumen
dirigebantur , jactis insuper anchoris , cjuae
sirmitatem pontis continerent . Sed anchora-
rum funes non extenti fluitabant , ut auge-
scente fiumine ìnosfensius ordo jiavium attol-
leretur . Claudebat pontem imposita turris ,
et in extremam navem educta , xmde tor-
mentis ac machinis hostes propulsarentur .
Othoniani in ripa turrem struxerant,
cjue et faces jaculabantur .

Id, histor. lib, 2L

saxa-
loading ...