Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 122
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0130
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0130
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
122

O P E R


LETTERA XV.

îo per me no.a Iio mai saputo acc’hetai»
mi clei tutto a csueiîa universaie opinione,
clie la polvere di archihuso, la stampa, e
la bussoia abbiano prodotto nel mondo i
più gran cambiamenti e i più vantaggiosi
ai moderni. La bussola si è una nobile in-
venzione, che cambiô veramente le cose
in meglio. Non sì puô recare in cîubbio,
che Γ arte del navieare condotta non siasi

u

a persezione grandissima, mercè un ordi-
gno, che sotto il più scuro cielo mostran-
doci il polo ne addita con sicurezza il cam-
mino clie si lia da tenere, e ne rende
signori di tutta Γ ampiezza dei mare, quan-
ta ella è. Si direbbe, essere come entrata
da pochi secoii in qua la ragione nel cor-
po della nave. Con la scorta della soîa ci-
nosura non sariasi mai discoperta l’Ameri-
ca : e ben ci possiamo dar vanto, che un

ni ez-
loading ...