Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 150
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0158
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0158
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
■| 4ο Ο Ρ Ε R Ε

nè meno le ragionî del Segretario, concliîu
de con le sue parole medesime; che secon-
do l’opinion sua le artiglierie non impedi-
scono, che non si possano usare gli antichi
modi, e mostrare l’antica virtù (1), Niuno
forse fu al mondo più grande apparecchio
e più terribile di cannoni di mortaj, e d’
ogni maniera bocche da fuoco, quanto quel-
lo ch’ era nel campo de’Turchi presso a
Belgrado. Ciò non ostante non dubitô ii
principe Eugenio cli attaccare iiYisire con
quel successo che ognuno sa „

Fu veramente fatto da JRomano,

E il mare vide esso ancora a’giorni no-
stri qualche esempio della virtù antica, II
Showel, a cui la Inghilterra dee buona par-

te

(i) Ibido

Bref je m arreste en cecy % que Γdrtillerie
ne peut nullement empêcher, que les soldats
du temps présent ne puissent user des facons
anciennes prescjue aussi bien , ■s il n en

y avoit point,

Instructions sur le faict de la guer*
re liv, I, chap, i3.
loading ...