Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 156
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0164
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0164
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
X 56 O f» E ïl E

spada gittati i pili. Dove non considerano#
che manca ai Turco la disciplina europea,
la scienza delle evoluzioni, le quali se egH
aggiugnesse alla risoluzion sua nello attac-
care, sarebbe fatto di cristianità. Ma per
quanto sieno conyincenti tali ragioni, non
è da credere, come io diceva? che siasi ne’
nostri eserciti per dismettere il fuoco. Sa-
rehbe piuttosto cla sperare, che con l’auto-
rità del Sassonia si rimettessero in uso le
armi difensive, cîhe sonosi dismesse non è
gran tempo (1). II troppo concetto, che si
ha degli effetti dell’arme da fuoco, ha fat-
îo si che la odiexma mollezza si è liberata
dal peso di ogni arme difensiva, senza por
mente, che un soldato armato di celata e
di un buon corsaletto sarebbe sicuro da tut-
ti i colpi un poTontani, e che vengono di
sghembo; che molti capitani rnercè la co-
razza salvaron la vita, e Francesco L tra
gli altri alla giornata di Pavia. Prevalendo
le ragioni del Sassonia, si vedrebbe alme-
no uscire in campo la ordinanza del Segre-

ta-

(i) Réveries ou memoires p. I- chap. o..

art,
loading ...