Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 174
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0182
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0182
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
174 O P E R E

reggersi. Un muro che d’ogni parte inclini
yuole piuttosto assai puntelii e spessi, an-
corachè non cosi forti , che pochi, anco-
2’achè gagliardi; non rimediando la virtù di
nn solo alia rovina discosto. E perô negli
eserciti conviene , che ogni pochi uomini
11e sia uno di più vita e di più cuore , o
almeno di più autorità, dice il Segretario,
il quale con i’animo con le parole con l’e-
sempio tenga gli altri fermi e disposti al
combattere .

Non so, chi nello aver difsinito tali cose
si merïti più lode, o del dilettante di guer-
ra, diro cosi, o dei professori. Colui, che
ha per sua prosessione la guerra, e veda
cio che vi ha di difettoso, e ciô clie sup~
plire yi si potrebbe , ci puô esser condot-
to da una certa pratica accompagnata da
buon giudizio : ma colui che , non profes-
sando altrimenti la guerra, conosce quello
ch’ella puô ricevere di più perfetto, è for-
za ne abbia penetrato la nattira e la essen-
za medesima. Nell’uno, per quanto accon-
ciamente ragioni, potrebbe la guerra esser
solamente un mestiero ; conyiene nell’ al-
îro, che sia una scienza.

Di yilla 12. Settembre 17 5g»
loading ...