Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 189
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0197
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0197
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
MïlîtâHï. 189

ra (1) con lo impedire i disegni del nimi-
co ; fargii andar svanita ogni impresa ; sron-
ieggiarlo costeggiarlo disalloggiarlo (2) strac-
carlo, tenerlo sempre in suli’armi, non dar-
gli mai sosta, e a yosîro potere consuraar-
lo colla disiiGoltà del vivere. E in ogni fa^-
zione dovrete stare insieme, quanto più si
potrà, con l’esercito, e non dividerlo^ che,
come dice il Montecuccoli, î più gran siu-
îïii, se si diramano , si guadano »

In ùne, se conyenga venire a giornata(3),
massime se il nimico aspetti d’ingrossare di
iiuova gente, faria a vostro vantaggio e co-
modità ; procurare di sorprendere il nimi»
co , di assalirlo alle tende, sfcrzar le ascol-
te anzi il tempo del batter delîa diana, in-
grossar gli ordini, andare stretto in batta-
glia , e urtarlo prima ch’ei possa toccare

alFar-

(1) Essere espedito e presto in sulla guerra,
non èsser freddo nella guerra .

(2) Fargli levare il campo , 0 le tencle.

(5) Yenire a giornatâ campale, far fatto d’ar-
ïne, dare, far battaglia, venire alle mani, tat-
tagliare, pugnare ec.
loading ...