Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 197
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0205
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0205
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
M I L I t A R ï . 1 îj's

À me non è lecito di far altro, clie por-
le sotto gli occhi alcune considerazioni, ch’
ella potrà poi assai meglio considerare di
per sè. II maresciallo diPuysegur, che Iia
novellamente tentato di rimettere l’arte sua
nell’ônore antico, mostra, che la ordinan-
za di combattere con la prima schiera tut-
ta piena e continua è da preferirsi alla
ordinanza ccn intervalli : e ciô per la ragion
generale , ch’ella ha in sè maggior forza,
i più combattendo contro i meno. Ma non
contento di una dimostrazione ? dirô cosi,
tanto vaga? discende più al particolare, e
ne dà una più rigofosa e più ssretta. Si
azzufüno due schiere, dic’egli, îe quali oc-
cupino la medesima frontej e l’una schie-
ra sia con intervalli, l’altra senza. Venute
alle mani, quelle bande della schiera pie-
îia, che si trovano dirimpetto ai voti dell’
altra schiera, entreranno per li yoti mede-
simij e parte di esse facendo a destra, e
parte a sinistra, circonderanno da Hanchi
e anche da coda i nimici, che già sono at-
taccati in testa; ed ecco la schiera piena»,
in vîrtù dell’ordine suo, vittoriosa della
gchiera cogl’ interyalli.

N 5

Ma
loading ...