Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 218
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0226
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0226
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D i s c o 1 s !

SsiB

DISCORSO V.

Sopra la impresa disegnata da Giulio Cesare
contro a Parti„

A L S I G N O R
D. GIUSEPPE PEGISo
★o*

DALL’amoreyolezza del pacîre Frisi non è
mai yenuto a me cosa, che erata non mi
fosse moitissimp. Le anime nob-iii, che sor-
volano in cielo, e penetrano più addentro^
corae egli fa, nei sistema del mondo , non
possono se non se accrescere la somma del-
la feiicità, che data era in sorte alla ter-
ra . Tra le graziose cose , che da iui mi
vennero , îiene certamente nno de’primi
luoghi lo avermi egli fatto parte questi pas-
sati giorni del nuovo libro miîitare, ch’elia
La messo in luce. Durante la dimora ch’ei
fece in Bologna, io passai alcune ore del-
la giornata con grandissimo mio profitîo nel
consigiio di guerra del più persetto capita-

no,
loading ...