Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 231
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0239
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0239
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militari. 2,5 i

miii e più degne di fede , in virtù della
tradizione . Non so ; se i moderni nostri
critici ; i le Clerc e i Muratori , glx aves-
sero menato buono tal suo criterio: il qua-
ie pare anche ch’egli seguisse nella filoso-
fia ; quando , per non andare alie sorgen-
ti, s’inveisce singolarmente contro agli stoi-
ci, imputando ai fondatori di quella setta
le strane opinioni di alcuni de’ loro disce-
poli,

Egli è certo , che delle cose romane le
migliori informazioni si puô dire che le
dobbiamo a'Greci: ed è naturale, che- co-
si sia. A’ forestieri ogni cosa giugne nuo-
Vo: s’ informano degrinstituti del paese do-
ve sono, delle origini delle leggi, del per-
chè dei costumi; e ne infonnano dipoi per
minuto i loro compatrioti, che pur sanno
esserne non meno ignoranti e curiosi .. Di
qui è , che la migliore storia della lega di
Cambray è pur quella dell’erudito e sensa-
to abate Dubos , e che Dionigi alicarnas-
seo , Polibio , e Giosesfo ebreo , che per
avere scritto in greco si puô num_erare in
tale schiera, ne danno una più esatta con-
tezza delle ragioni dei costumi romani, deL

P 4 la
loading ...