Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 243
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0251
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0251
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militari. 24S

potè Koulicano nel Segestan, che pur va-
licare era mestieri; provincia sterile, e al-
la guerra non buona: e coperto sempre da?
Tartari, onde nascondeva sè al nernico, e
di lui avea novelle ad ogni ora, marciava
innanzi a grandissime giornate. Cavalcava
sempre ora a’üanchi ora alla coda ora alla
testa dell’ Csercito, tenendolo vivo, e ani-
inandolo col proprio esempio a fare e a pa-
tire qualunque più dura cosa, dove lo ri-
chiegga la patria e il pubblico bene.

Asrafso non vedendo ancora, dove get-
îar si volesse il nimico* con un corpo di
ventimila combattenti mandô innanzi Sey-
dal, suo irraccio dritto nella guerra; e in
un buon campo lo pose tra Shirass e Is-
pahan, quasi a cavaiiere dellTracgemi e dei
Farsistan, le due più importanti provincie
della Persia. Egli si stette a conteùere Is-
pahan, pronto ad unirsi con Seydal al pri-
mo avviso.

Koulicano, volto il cammino a sinistra,
fece due parti delsesercito; l’una ne die-
de a Tamasso con tutto il bagagliume, per-
chè ponesse il campo a Shirass, capitale
della proyincia rion lungi dall’antica Perse»
loading ...