Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 244
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0252
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0252
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
&44 Discorsi

poli, già famosa per lo studio, e per Ii suo!
vini i migliori della Persia. Vi fu Tamas»
so accolto a braccia aperte, e con grandis*»
sima festa, e d’ogni cosa ristorato e forni-
to, di che egli con le sue genti abbisogna-
va. Con 1’altra parte dell’esercito marciò
Koulicano espedito e leggieri aila volta di
Seydal, della cui marcia ebbe tosto avviso
da’ suoi corridori, che batteano sempre la
campagna, e tutta intorno a tante e tanta
migìia la tenevano : talchè non prima ebb©
sentore Seydal cbe Shirass fosse in perico-
lo, che Koulicano gli era già a fronte, β
gl’impediva soccorrerla.

Varie scaramucce seguirono sra i due
eserciti ; tentando l’uno e 1’altro capitajao
eon piccìole zuffe la virtù de’suoi, e traen-
done quasi augurio della futura felicità. Sen-
ti Asrafso, preso Shirass, il pericolo di Is-
palian; e lasciato quivi uno assai scarso pre-
sidio, egli disdò con dieci in quindici ini-
la uornini verso Seydal, per seco lui con-
giungersi, e uniti fare ogni sxorzo di libe-
rare Sbirass. Iij su gli avvisi che ebbe Kou-
licano della marcia di Asrasfo, non gli pa-
reva, diyenuto inferiore di forze, lasciarsi

mep
loading ...