Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 248
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0256
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0256
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
‘Γ._|δ D I S C ο π

ciò in battaglia confortando i suoi, dl fuo-
ri tutto sicuro e lieto; esser questo l’ulti-
mo di di ioro fatiche; non aspettargli clo-
po che dovizia e pace, non altro che frut-
ti di vittoria. Cosi ciicendo scorreva la fron-
te dell’esercito; indi si pose all’ala destra,
avvisancio di dovere aver quivi Kouiicano
a rincontro di sè, per essere quella parte
la meno inaccessibile del campo; e moye·
va innanzi.

Koulicano , visto da lunge il nimico ve-
nire in ordinanza, tutto veramente allegro
e ridente usci ciel campo , dove , iasciato
quanto a guarclia di esso bisognava, schie-
rô le genti sul pendio clella collina , cbe
alla sinistra era più dolce, dove alla de-
stra era imboscato e più aspro . Mostrava
loro , essere venuto iinalmente quel gior-
no tanto da essi desiderato , in cui pote-
vano con tanti vantaggi venire alle mani
col nemico , che troppo sarebbe stato la
pazza cosa il dispèrare clella vittoria : già
chiamargli la libertà e la gloria immorta-
le ; e spalancar loro Ispahano le porte, a
euî troppo tardava che giugnessero . E mes-
sosi sull’ala sinistra dinanzi a’suoi riccamen-

te
loading ...