Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 251
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0259
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0259
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
]\î .TLÎTA Rï. 33 1

Va ancora in pendente Ia vittoria. Quan-.
do Koulicano , iatte venire nuove genti
dall’ala di Taraasso , che corahattuto qua-
si non avea , con grandissimo impeto die-
de dentro un’altra volta a’nemici, e gli
scompigliò . Nè già lasciô loro tempo di
guadagnare il carnpo; che a corsa lanciata
il prese egli : nè ci fu p;.ù via , che Asraf»
fo e Seydal potessero riunirsi insieme .

Lietissima fu la notte a’vincitori ; e ii
di seguente scoperse anche meglio la vit-
toria . Orribile silenzio, e morti da per
tutto . Da quindici mila Aguani restarono
sul campo , Asraffo cacciatosi tra’ monti ,
dove presi avea già i passi, si avviô con
le reliquie dell’esercito ad Ispahano , dan-
do ii guasto , e rovinando il paese intor-
no , per rallentare e spegnere la furia di
Koulicano.

Seydal, le cui, genti erano più intere ,
prese con dieci mila uomini la via anch3
egli di verso Ispahano, dove sapeva , che
in caso di avversa fortuna sarebbesi rifug-
gito Asraffo. Ma Koulicano, che consu-
mare voleva la vittoria, gli fu tosto add-os-
so con un grosso di genti Ia più parte ca-

val-
loading ...