Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 258
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0266
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0266
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Discorsi

DISCORSO VII.

Sopra Vordine di haltaglia di Koulicanô
a Leilam contro a Topal Osmano»

A L MEDESIMO.

★o *

LA maggior parte degli uomini crede, che
aìla guerra altro non si faccia che armeg-
giare battaglìare e combattere: e perô non
maraviglia, se quello amico suo, tosto di’'
egli ebbe incominciato a leggere qnel mio
discorso, credeva che venir si dovesse alle
mani., Ma ella ne temperô la foga, assicu-
randolo, che non ogni giorno si viene a
giornata; che per ciô fare ci vogliono di
grandi preparativî; e il più delle volte gli
esercitî se ne stanno Funo in faccia delF
altro con la spada nel fodero, Ma gîi fac-
cia legger questo discorso; ed egli troverà#
che le cose si sbrigano più presto.

concurriiur, horce

Momento aut cita mors venit, aut victona lceta,

Con-
loading ...