Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 260
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0268
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0268
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
*Ì00 Discorsi

fece pomposa mostra nelle pianure che gîac-
ciono yicine a quella città; e promise Io«*
ro di guidargli ben presto a Costantinopo-
li, e piantar quivi ie bandiere persiane *■
Avea seco nell’esercito i principali del rej
gno, per le ragioni medesime, che Giulio
Cesare fece di avere appresso di sè nelio
Gallie i più ragguardevoli personaggi, o al-
meno i ioro figliuoli tra’flomani.

Presentatosi a Kermausha, che è nel
Kourdestan sulla via di Bagdat; la città e
ia fortezza gli aprirono tosto le porte, es-
sendone la maggior parte degli abitanti di
origine Persiani. Nienfe lo impedi dipoi}
che il giorno dieci aprile non fosse sotto
alle mura di Bagdat, e quivi non ponesse
il campo .

Siede quella popolosa città sul Tigri, fxu*
rne rapidissimo non lungi dal luog©, dove
era anticarnente posta la tanto celebre Ba»
bilonia, di cui non rimane vestigio alcuno;
e ha dappresso il bel paese della Mesopo-
tamia. Dentro vi avea ventimila soldati di
presidio, e ne era governatore Achmed Ba-
scià, uomo di gran cuore, e pronto a pa-
îire per la difesa della piazza qualunque estre-

inK
loading ...