Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 264
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0272
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0272
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
è64 DiscoRâï

tosto ad Hamadan tutte le sue forzei asgo-
vernatori delle provincie, perchè mettesse-
ro sulle carra le nuove leve che fatte avea-
no, ed ivi ne facessero massa7 perchè con-
durre vi sacessero d’ogni sorta munizioni»
Sopra tutto severamente comandô, che nel-
lo esercitare i nuovi soldati, e a bene av-
vezzargli in qualunque sia caso negli ordi-
ni , si raddoppiasse ogni diligenza e ogni
studio; ben sapendo, con la, sola disciplina
essere noveliamente divenuti i Russi tanto
formidabili, ed essere da iungo tempo i
Tedeschi stati vincitori dei Giannizzeri.

Giunto in Hamadan iodô pubblicamente
Γ esercito per lo dimostrato valore a Ker-
koud ; ringraziollo, lo rimùnerò» Gonfessô
ingenuamente, la disgrazia avvenuta essere
stata per coipa della troppa sua confîdenza,
e del dispregio che mostrato avea del ne-
mico; pregargli, volergli dar presto occasio-
ne di riparare i’error suo e ia loro sconfit-
ta. Applaudirono i soldati, e gridarono, es-
ser proati a ogni cosa, che esser potesse
dell’onore del loro capitano e deîia Per-
sia.

Intanto che preparavasi a rinnuovar la

guer-
loading ...