Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 276
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0284
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0284
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2,jÇ> Dî SCOR.SÏ

îne ïl ferro, che se non si adoperi arrug°

ginisee .

L’altro giorno, per atto di esempio s si
usci di buon mattino di Posdammo per ve~
dere in quelle vicinanze il più bello spet-
tacolo che imrnaginare si possa ; una lezio-
ne della grand’arte de’principi ridotta al
rnetodo il più geometrico. II presidio dl
Posdammo composto di sei battaglioni, tra”
quali la legione decima, il reggimento del
Le, il fiore della umana specie in tutto
nove in dieci rnila uomini, era attendato
sopra una coilinetta, a eui la Hawle hagna
il piedej ed avea un ponte sulla destra da
esso occupato, per cui potea scorrere al di
là del fiume , ed aver nuove del nemico,
ehe ne teneva Paltra riva. Avvertito il pic-
eiolo esercito , che esso nernico uguale in
fanterie, e sornito di buon numero di ca-
valli si avvicinava, si prende il partito deb
la ritirata. Doveasi far questa lungo il hu-
me prima per una pianura assai ampia, do-
ve potea giocar la cavalleria, poi per un
bosco , dove era da temere d’un qualcbe
agguato e d’insidie . Dato il segno del le-
var le tende , si abbandona ia testa del

pon-
loading ...