Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 284
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0292
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0292
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s84

DlSCORSs

DISCORSO IX.

Sopra Carlo XII.

A L S I G N O R
D. GIUSEPPE PECIS.

CDome a persona, che ha lungo tempo di*
morato nel norte, ella fa capo a me, per-
chè le sieno schiariti alcuni dubbj, ch’elîa
ha sopra Carlo XIL Io farô cli soddisfaro
il meglio che per me si potrà alle sue do-
mande intorno a un principe, che fu per
un tempo quasi la stella polare della mi-
lizia , e ne sarà per tutti i secoli la più
risplendente meteora. Stia sicuro almeno,
che non le soriverò se non quello, che avrô
udito dalla bocca di coloro, che hanno ve-
duto , si puô dire , le cose co’proprj loro
occhi.

E incominciando dalla visita ch5 e’ fece
in Dresda al capital suo nemico il re Au-
gusto, non ne abbia dubbio yeruno, per

quanto
loading ...