Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 306
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0314
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0314
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5o6 Discoksï

teggiate per avere la loro aileanza ed ami-
stà ; e beae spesso si è visto, come quei-
le compagnie di trafsico depongono sovra-
namente i re, e dispongono a loro talen-
to dei regni in quella remota parte del
rnondo .

Diede di ciô le più forti riprove il fa-
moso Mr. Dupleix dalle parti di Pondiche-
ri, ciie è il centro degli stabilimenti fran-
cesi: e non ne fu novellameiite il iord Cli-
ve dalla banda di Bengala il più splendido
esempio ? II quale andato in India con po»
che ghinee in tasca, e messosi a’seryigj del
la loro compagnia, guerreggiô quivi da pa-
ladino ; e regnis adsignatis, come un altro
Alessandro lungo il Gange, che ha fatto tut-
to inglese , è tornato tra pochi anni in In-
ghilterra con un capitale da farsi un sessan-
ta o settanta mila lire sterline di entrata.

Come è mai, che una piccola rnano di
milizie europee al soldo di quelle compa-
gnie possa far fronte agl’interi eserciti dei
re indiani, possa combattergli e aver sopra
îoro vittoria?

Ella , che d’ingegno è perspicacissimo ,
che passa buona parte della giornata nella

let-
loading ...