Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 307
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0315
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0315
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militàri. Ζοη

iettura di libri buoni > che puô consultare
un padre di ottimo senno non isfornito di
erudizione e dottrîna> e che nelle cose pra-
tiche del mondo ha posto molto studio, sa-
rà giunto senza dubbio a trovare la spiega-
zione di cosx straordinario fenomeno in po-
litica. Quanto a me, con l’ajuto di un lo»
ro libretto inglese, che mi è novellamen-
îe capitato alle mani, mi pare di yederne
îl perchè .

GFIndiani non fecero mai, nè fanno del-
le fanterie conto niuno alla guerra ; quasî
îutti x loro eserciti sono composti di caval-
li. Menano aila guerra le donne i hgliuo-
!i le intere loro famiglie, e il loro campo
è seguito da una moltitudine di artigiani e
mercanti di ogni maniera ; taichè ha sem-
bianza di una grande città che cammini >
e vada mutando situazione e paese .

Rîpongono la principale speranza della
yittoria nelle artiglierie; e i loro cannoni,
che hanno sino a settanta libbre di calibro,
§ono da maneggiarsx difsicilissimi. Sono da-
îi alle ubbiei vanno dietro agli augurj dei
giorni fasti o nefasti per venîre alle mani ;
© non sanno per niente che cosa sia arte

Y a, di
loading ...