Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 309
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0317
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0317
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
M I L ί T A îl ì. Sog

stra tanta superiorità sopra gli abitanti dell'
Asia; nazione iu ogni cosa ténâcissima del-
le antiche loro maniere ed usanze, e che
per cosa del mondo sare non ÿorrebbe og-
gigiorno diversamente da quello, che fece-
ro i ioro maggion dieci secoli addietro.

Gli eunuchi governarono l’Asia sino dâ5
tempi antichissimi di Giro : gli Asiatici han-
xio sempre piegato il collo sotto al più du-
ro despotismo , senza mai aver tentato dî
respirare la dolce aura di libertà ; e nella
iunghezza de’secoli si è mantenuto sempre
Foriente nei xnodi fondameixtali del pensa-
re e del vivere Io stesso . Ciô fa si , che
i Turchi non abbiano mai mutato ordine
nella loro maniei’a di armarsi e di combat-
tere, nella foggia del loro vestire tanto per
lo guerreggiare incomoda : cosicchè potet-
tero gli Scanderbeghi i Sobieski i Monte-
cuccoli e gli Eugenj fare argine colla disci-
plina europea agF innumerabili loro eserci*
ti, onde le nostre teste, in vece del cap-
pello, non sono ora coperte dal turbants*
loading ...