Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 311
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0319
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0319
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militarï. 5iî-

bellissimo libro, io vi dirò, secondo il de-
siderio vostro , alcuna cosa di particolare
sopra TAnson , parte ricavata da quel li-
bro medesimo, e parte dalle bocche degl’
Inglesi, che io ho interrogati moltissimo
sopra un uomo, che ho sempre tenuto in
ammirazione grandissima, come uno di que·
gli, che non lasciano nel mondo le cose co-
me le trovano.

Incominciò a suonare il suo nome neila
guerra , che ruppe tra la Xnghilterra e la
Spagoa, poco prima della morte di Carlo
sesto; guerra dei mercanti, diceva il cava-
lier Walpole, che fu da essi tirato pe’ca-
pelli a dichiararla , ma che non poterono
già essi indurlo a farla come si dovea , e
come avrebbe domandato la ragione delle
cose. Fu dato ali’Anson il comando di una
picciola armata composta di cinque legni in
tutto, se hen mi sovviene ; il più conside*
rabile de’quali era il Centurione cfs esso
montava , divenuto poi tanto famoso neila
storia marittima, nave di terza linea, e di
sessanta pezzi di cannone . Con tale arma-
ta dovea egli tribolare il nemico nelle sue
più rimote colonie poste lungo ü mare del

y 4 sud.
loading ...