Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 315
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0323
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0323
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3ι5

M I L I T A ïl I .

©rientali, e parte per le occiclentali ; no-
vella fonte per esso lui di ricchezze, e di
onore . Sei furono i legni da guerra da lui
presi, e tra questi l’aminiraglio . Il signor
di Jonquiere nell’atto di rendere all’Anson
la spada, da voi, disse con quel buon umo-
re che anche nelle avversità non si scom*
pagna dai Francesi, è stato vinto VInvin-
cibile, e vi seguita la Gloria , accennando
due de'sopraddetti legni, che cosi si chia-
inavano.

In ricompensa di tanto importanti servi-
gj fn creato pari del regno ; alla morte del
Norris fu nominato vice - ammiraglio d’In-
ghilterra; e alla hne fu posto alla testa dell’
ammiragliato . Non ostante tutti i cambia*
menti di ministero , che in questi ultimi
anni succedettero in Londra, l’Anson ri-
tenne quella suprema carica , per cui era
veramente fatto , sino al termine della sua
vita ; ed egli mori col tridente di Nettuno
in mano, o sia con lo scettro del inondo.

Era uomo di poche parole, da passare an-
che nella sua patria per taciturno : e nelle
cose di amore era talmente freddo , che
avendo menata per moglie miss York, nè

P0'
loading ...