Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 322
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0330
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0330
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
522 Discorsx

to cli torrioni : e in conciusione gli par du-
ro da credere, che Oraeio trovato non si
fosse in molte fazioni di guerra ; tanto be-
ne egli ragiona del raestier delle armi,

Quando io lessi da prima le molte cose,
che il Puysegur osserya sopra Omero , io
m’aspettava , a dire il vero , che anche
della scienza militare di Virgilio egli do-
vesse toccare alcuna cosa . Ma di questo
nè pure un motto. E pure egli meritava,
se non vogliamo dire un capitolo a parte,
che alineno di lui si facesse ima cjualche
menzione. Virgilio cede assai più ad Ome-
ro nella fantasia e nella învenzione, che
non gli cede nella scienza, onde seppe Itt-
meggiare il suo poema : e non pochi sono
i luoghi, ove cleila scienza militare egli si
inostra pentissiino.

II campo , dove Eaea sbarcato in Ita-
lia avea posto le sue genti , quando egli
andô nel paese di Evandro e in Toscana
per chiedervi soccorso contro a Turno ed
al Lazio che rotta gli aveano la guerra ,
era munito secondo le regole delParte. Da
nna banda era difeso dai Tevere;

AEnea-
loading ...