Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 344
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0352
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0352
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
344 jDiscottsï

re del Messico ; possono forse ancîié spera--'
re di aprirlo al mare del sud , che è la
bandita del traiiico degli Spagnuoli, a cui
yanno le rnire di tutte le nazioni nayiga-
trici.

Ma da quanto in non lunghi anni han-
no ayanzato sinora, fatto sta, che una par-
te non piccola dell’ Inghilterra trapiantata
nel nuovo mondo , retta bensi dall’istesso
principato, ma con difserenti forme di go-
verno e independenti l’una dall’altra, ani-
mata dall’amor del guadagno, ma con dif-
ferenti yiste in ciascuna colonia per pro~
curarlo , dopo aver perso parte del suo traf-
lico , teine di esser finalmente rovesciata
nel mare da un pugno di Francesi aventi
tutti un’anima , il quale le è aile spalle ,
e se le va ogni di serrando più addosso .

Tutto questo singolarmente avveniya in
America; mentre in Europa facevansi pra-
tiche di accomodamento : ed erano in Bru-
xelles conyocati congressi di. commissarj in-
gîesi e francesi, che davano ogni fatica al-
la penna per assegnar i confini, dentro a’
quali contener si doyessero le due nazioni in
Ainerica., e starsene chete. Fino clai 1713-·

era
loading ...