Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 358
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0366
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0366
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
558 Discoîisï

perchè un esercito in ogni circostanza in

ogni tempo in ogni qualità di terreno pos-

sa rispondere alla intenzione del capitano P

per averlo in somma simile al prussiano :

rimaner tuttavia neli’animo deedi Austriaci

o

impresse le giornate di Molwiz di Czaslaw
di Freidberg di Sor di Kesseldorfs; nei Prus-
siani al contrario pieni delle passate vitto-
rie, e confidenti nella propria disciplina,
aliignare un dispregio de’nemici grandissi-
mo, il quale, quanto ne’capi sarebbe dan-
noso, altrettanto è utile nel soldato.

La Francia, il più possente stato di Eu-
ropa, in cui la moltitudine degli abitanti
va del pari con la industria, essere assai
lungi dal potersi chiamare nel fiore della
prosperità: in non picciolo disorcline trovar-
si le rendite e ie entrate di quel regno ;
disgustati i popoii dal peso delle contribu-
zioni delia passata guerra, che contro alla
data fede duravano tuttavia; non esservi
come altre voite rispettata l’autorità regia;
mirarsi da gente popolare e faziosa a îo
gliervi il dispotismo, anima dello stato mi»
litare .

Essere già entrata in una guerra dispen-

dio-
loading ...