Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 360
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0368
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0368
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
36o D ι s c ο π s

giuoco, ψΐάηάο, dopo yalicato quel paese,
e nella Boemia inffolfatosi, si unirono i Sas-
soni agii Austriaci, e insieme con essi al-
la giornata di Strigau si troyarono; poter-
lo rifare in questa guerra: e pero propone-
ya loro si unissero con lui, gli ayrebbe avu*
ti compagni nelia guerra, forse anche nel-
la vittoria; ovveramente sbandassero l’eser-
cito, e non impedirgli per niun modo il
potere liberamente operare contro a’nemb
ci : essi non la intendono, ma fanno catti-
vo sangue nel fortissimo loro campo di Pir-
na assediativi dal Be, per modo che vetto-
vaglia munizione cosa niuna entrar vi puô .
Altra via non rimanerali che entrare di un

<u

salto esso il primo in Sassonia, afsxne di
preyenire il nemico, che poteva fare il me-
desimo. In fatti cosi è avvenuto, nè diver-
samente avvenir potea; se non per altro,
per quella ragione della propria e necessa-
ria difesa, ragione a tutte altre soyrana.

Gli Syezzesi, nazione poco numerosa e
povera, noir doyersene tener gran conto;
non esser più, come aveano abbastanza xno-
strato con le ultiine loro prove, quali al
tempo di Carlo XII., un popolo di eroi.

Ayer-
loading ...