Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 372
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0380
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0380
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
οη·>. D ι s c ο ιι s r

sonia vi ho io fatti marciare per far guer*
ra a’nostri nernici , non & borghesi : cose
tutte, che richiamano nella memoria de'Sas-
soni quel tempo cleila passata guerra, quan-
do egli preservô Dresda contro alla ferocia
del vecchio d’Anhalt , che ne aveva pro-
messo il sacco a’soldati, come premio del-
la giornata di Kesseldorfs. Cosi egli va mi~
tigando le acerbità necessarie della guerra,
il dolore , che provano i Sassoni al vedere
il viso di Marte in luogo delle solite ma-
gnihcenze e feste carnevalesche , e al ve-
dere sopra tutto i magnifici loro teatri e
îe galierie convertite in militari palestre.

Alla metà dello scorso febbrajo le forze
di casa di Brandemburgo montavano , chi ’l
crederebbe ? a dugento dodici mila uomi-
ni; milizia immensa, quale non videro mai
insieme.di forze romane nè Trajano nè Au>
gusto .

Non avea se non se ottomila uomini di
tumultuaria milizia Giorgio Guglielmo, al
quale ricevere fu forza nel palagio di Ber-
lino Gustavo Adolfo scortato da mille fan-
ti} e da quattro pezzi di artiglieria. Ac*

creb-
loading ...