Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 383
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0391
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0391
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militarî. 383

si o no un grosso rinforzo ingîese al Du«
ca , che vivamente nel sollecitava , e ne
mostrava la urgente necessità . Dopo mol-
te ragioni acîdotte nel consiglio a favore
dell’una e dell’altra parte , prevalse final-
mente il parere del Pitt, Acremente soste-
neva, che non conveniva alla Inghilterra
spogliarsi delle proprie sue forze per cagio-
ne di litigi esterni, che a lei erano nien-
te ; che non ie conveniva mandarle a far
prova di sè nel continente, dove acquistar
forse potrebbono un qualche belletto di glo·
ria, di cui non avean punto mestîeri; ma
per mille interne piaghe che ne ricevereb«
bono, verriano ad inHstolire, e finaimente
eonsurnarsi del tutto . Da un tal fonte es-
sere già derivati tutti i suoi mali . A che
altro essere riuscite tutte le gesta del Mal-
borous;h , che a indebitare il re«no ? Per
essersi nella passata guerra frammessa più
là, che non conveniva negli affari del con-
tinente, essere stata costretta a cedere ca-
po Breton , che essere poteva l’unico pre-
mio de’tanti suoi profusi tesori, e stato sa-
rebbe la briglia de’Francesi în America^
che col capo Breton in mano l’aveano cor-

sa
loading ...