Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 386
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0394
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0394
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
536 DiscoPtSï

Era intanto nei consigli del re a san Ja-
mes confusione e disordine ogni cosa; tal-
mente che fu forza al Re richiamar Pitt al-
la hne di giugno del medesimo anno, e ri-
metterlo in seggio. iSon riprese egli le re-
dini in mano; se non compartiti i princi-
pali ussizj dello stato a persone del pubbli-
co bene zelanti, e a cui egli poteva sicu-
ramente rimettersi.

Suo disegno era , non di mandar genti
in Germania , persistendo egli tuttavia nel-
la già presa massima ; ma di fare alla Fran-
cia una guerra litorale e marittnna, per
divertir le sue forze , e impedire non ve
ne mandasse in Gennania essa. Ma fu nel
consiglio rappresentato. da chi le parti so-
steneva della corte, le cose essere oggimai
avanzate di troppo, perchè utile esser po-
tesse un tale partito dopo la fatal giornata
di Astembek,· calpestato dai Francesi FElet-
torato, Fesercito del Cumberlandia ridotto
alla neutralità e disper.so ; bisognare non
pizzicare il nemico nelle coste, ma ferirlo
nel cuore.

Intanto rotti dal re di Prussia, quando
meno aspettayasi, i Francesi alla memorabil

;ior-
loading ...