Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 389
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0397
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0397
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
M I L I T A R î. 3$9

prese, seppe conyertire in bella gara a chi
meglio avrebbe seryito la patria.

In esso lui ha posto ogni sua iiducia la
Inghilterra^ egli ha potuto riunire tutti gli
animi, ha saputo calmare ogni discordia
nel procelloso parlamento. Domanda quin-
dici sedici diciassette milioni di lire sterli-
ce, che fanno tre in quattrocento milioni
di queste > gli sono tosto accordate, e a
ragione. Ne fa cosi buon uso, coine giâ
fece dinanzi a Torino il principe Eugenio
del danaro inglese. Voi saprete, come dal
campo-francese da lui preso scrisse a quei
mercanti di Londra, che aveano avanzato
le somme necessarie per la campagna : ho
ricevuto il vostro denaro ; e spero non ne
aver fcuto mal uso. Lo stesso fa il Pitt.
Sei jnilioni sterlini costa l’anno la guerra
del continente all’ Inghilterta,* somma im-
inensa ! altrettanto ne conviene spendere
alIaFrancia, con questa differenza, che sen-
2a trafslco non ha con che poter supplire
a tanta spesa, e si è veduta ridotta a do-
ver portare alla zecca tutte le piatterie d’
argento; Ia Inghiîterra al contrario più age-
yolmente la sostiene, per le nuove ricchez-
B b 3 ze.
loading ...