Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 406
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0414
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0414
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
/j<v3 DlS.COR.SI

clo cavare il Daun dal forte suo campo dx
Plawen, e ridurlo a venire a giornata, che
decidesse a chi sarebbe rimaso padrone di
Dresda, gli mandò Finck alle spalle. L’una
delle due : o col tagliargli i viveri che gli
venivano dalla Boemia Favrebbe sforzato a
sloggiare; o piuttosto, ch5è più verisimile,
xm tal giorno lo avrebbe Finck attaccato
alle spalle, egli il R.e lo avrebbe attaccato
da fronte, e con pgni probabilità disfatto
e rovesciato nell’Elba. Ma ventimila uomi-
ni in aria, abbandonati a sè medesimi, lon»
îani dal potere esser soccorsi, non è egli
questo, vanno pure schiamazzando, un pic-
ciolo errore? Un ventimila uomini con suf-
Fcient,e traino di artiglierie e di viveri, di
che mancar non sogliono i Prussiani, po*
sto in forte sito e ben trincerato, con un
risoluto capìtano alla testa può tenere con-
tro a sessanta mila e più uomini, e sarse-
ne befse.

Una simile operazione forse ancora più
ardita, e col medesiino intendimento tro-
vasi praticata da Marcantonio a Filippi con»
tro a Bruto ed a Cassio. Aveano questi il
campo scpra due alture, a piè delle quali

cor-
loading ...