Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 411
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0419
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0419
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Mïlitâ&ï.

4lï

DISCORSO XX.

Sopra la pace conchiusa Tanno 1762. ira
la Inghilterra e la Francia.

A L S I G N G R
CO: BONOMO ALGAROTTI.

*Q*

E Chi son io , Fratello amatissimo , che
debba entrare ne’gabinetti de’principi , e
dar giudizio. s opra la pace novellamente con-
chiusa tra la Inghilterra e la Francia; che
debba farmi a decidere neîla più grande di-
yersità di opinioni che forse sia stata giam-
mai ? Yoi , che di quanto avviene in Eu-
ropa sieîe informato quanto altri mai, ben
sapete , che dalla massima parte della na-
zione inglese questa paçe vien chiamata
unadequate, unstahle, unglorious, non con-
yeniente , non durevole , quasi che igao-
miniosa : e d’altra parte la sernbra cosi
conveniente e cosi glorio.sa dinanzi agli oc-
chi di milord Bute che l’ha segnata , chs

esli
loading ...