Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 413
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0421
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0421
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militarï. 41?J

tuzioni se ne vien quasi a perdere onnina-
mente il frutto ? Ayere voluto la Provvi*·
denza, che ïa Francia fosse una volta alla
mercè della Inghilterra : perchè volerla far
risorgere e rimettere nello stato di prima?
Poco amici essere della patria coloro, cha
tali articoli fermati aveano ; forse esser fal-
si, e verrebbero un di o l’altro dal mini-
stero ismentiti .

Usci in quella occasione un libricciuolo
in Londra, del genere di quelli che gl’In-
glesi cbiamano pamphlets, soliti contenere
più cose che non ne contengono altrove i
grandi voîumi, il quale fu di grandi moti
e di moltissimi ragionamenti cagione : tan-
îo più ch’ era mercantile e politico , fon»
dato tutto sopra calcoli, che sembravano
essere di grande precisione_, ed uscito dal-
la penna del signor Heathcote uomo par-
lamentario reputatissimo, che sullo inclinar
della vita ritirandosi in vilîa manifestava
al supremo magistrato di Londra i deside-
rj e i voti di un ottimo cittadino . Se gli
articoli della pace, che si erano sparsi,
eran veritieri, come si trovo esserlo di-
pôi ·, tîi grandi rovine presagiya alla nazio-

ne,
loading ...