Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 423
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0431
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0431
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
M I L I T A R î . 423

gi dell’America. Ma un tale vantaggio, co-
me le cose stanno ora per l’accordo fatto,
è egli reale ed interno? Tale sarebbe sen-
za dubbio, se ai Francesi si fosse fatta net-
tare tutta quanta ella è l’America setten-
trionale, se non ci avessero più piede di
sorte alcuna. Ma non vi rimangono eglino
radicati nella novella Orleans posta alle fo-
ci del Missisipi, e in tutta quanta la Lui-
giana occidentale?

In tal caso svanisce ogni simile vantag-
gio; e dovranno sempre co’Francesi stare
molto bene avvertiti in quella parte di mon-
do gl’Ingiesi. Che fare adunque? Io per
me sarei stato di avviso, che a'Francesi si
dovesse restituire ogni fatta conquista sul-
la terra ferma delFAmerica; così perô, che
dell’Acadia bene si assicurassero gl’Inglesi,
del forte s. Giovanni, e di qualunque al-
tro luogo che sull’oceano rispondesse. Qui-
vi non avrei voluto, che affacciare si po-
tesse un Francese abitante in America. An-
cora a maggior sicurezza delle colonie in-
glesi accrescere si potevano le difese del
Forte della corona, che dalla banda della
Nuova-inghilterra fronteggia il Canadà.

D d 4 Ma
loading ...