Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 426
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0434
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0434
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Disconsi

gheggiare con qualche isola di quelle, che
sono chiamate neutrali.

Parrà forse ad altruQ che le parti tra
inghilterra e Francia non sieno cosi pari
nel nostro accordo, come sono nell’accor-
do già fatto. E' forse vero: ma hanno el-
!eno necessariamente da esserlo? e non deh-
he piuttosto chi è perdente nella guerra ri-
manere anche perdente nella pace? Quan-
do non si dia un caso simile a quello delF
accordo di Utrect, che conchiuse la guer-
ra per Ia successione di Spagna; un colpo
di fortuna tanto straordinario per la Fran-
cia; fa di mestieri ricordarsi del væ 'vicris,
che disse Brenno a’Romani a'piè del Cam-
pidoglio : laddove ora i Francesi, tornati
da per tutto nel loro in ciò che più im-
portava, possono essere stati magis trium~
phati quam victi.

Ordinate in tal modo le cose per la pa-
ce in Inghilterra, senza accrescere il nu-
mero de’marinai e delle navi, che annuai-
mente in tempo di pace mantiene,, avreb-
he agevolmente guaidato le sue conquiste,
mettendo soltanto un mila uomini a Gorea,

un
loading ...