Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 447
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0455
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0455
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
M I L I T A R E . 447

si, che ciô fosse seguito, ponendo che fos-
sero stivati insieme gli astati i principi e i
triarj, corae vuole il Folard ; quando nel
combattiniento gli fa serrare gli uni addos-
so aeli altri, senza che tra loro vi riman-
ga nè meno quella distanza di quattro pas-
si, che gli divideva da principio? Gli asta-
ti allora messi in disordine e rispinti, si
sarebbono rovesciati addosso a’principi, e
questi a’triarj ; e tutti ingarbugliati insie-
me, terminata sarebbesi la cosa colla peg-
gio dei Romani. Che se per avventura un
volesse dire , che in virtù di una maravi-
gliosa disciplina gli astati posti in disordi-
ne avessero fatto ritirata per rnezzo agli spa-
zj, ch’erano tra una colonna e l’altra; al-
lora I principi sarebbono rimasi in testa
delle colonne, e sarebbono venuti a cozn-
batter eglino la seconda schiera di Anni-
bale, e a sconfiggerla, e non gli astati :

xl

χιπων nyi(MV(i συνάία.<τάμίνοι τό yiyovòs, ίΤίςΊΐσαγ
Tocs ct'JTGûv τ#ξβί . tgùV (Γί (υασάοφόρων xui των
KupyyiÏÏOvuttv τό ttKhtov μίροί τό μίν ύφ άυτων ,
(Ts U7TÓ των άτάτων «ντί χβ,τιχότη .

Id. ibid. η, ι3.
loading ...